Loading...

Pollo Hasselback con mozzarella e pomodorini secchi

Il termine Hasselback viene utilizzato solitamente in accostamento alle patate. Le patate Hasselback non sono altro che patate tagliate nel mezzo a fettine sottili, senza però arrivare fino in fondo.

Vengono poi condite nei tagli con olio e spezie e messe in forno.

La loro particolarità è che la buccia non viene eliminata e diventa quindi croccante, mentre la parte interna resta morbida e delicata.

Questo tipo di patate furono servite per la prima volta nel 1953 da Leif Elisson da Värmland, un cuoco studente al ristorante Hasselbacken, a Stoccolma.

Io ho deciso di utilizzare la stessa tecnica, ma applicarla al pollo per poi riempirne i tagli con pomodorini secchi e mozzarella (ho usato quella per pizza in modo che tenesse meglio la cottura in forno).

Pollo Hasselback con mozzarella e pomodorini secchi

Ingredienti (per 4 persone):

  • 8 fettine di petto di pollo
  • 400 g di mozzarella per pizza
  • 280 g di pomodorini secchi sott’olio
  • sale e pepe q.b.
  • olio evo q.b.
  • erbe aromatiche secche: io ho utilizzato basilico, origano, salvia, timo  e rosmarino

Preparazione:

  1. Iniziate incidendo il pollo con la punta di un coltello. Dovrete ottenere tagli diagonali che prendano quasi tutta la superficie della fetta di petto di pollo.
  2. Fate circa 6/8 tagli per fetta, in base alle sue dimensioni.
  3. Taglia delle piccole striscioline di mozzarella.
  4. Riempi ogni taglio con una strisciolina di mozzarella e un pomodorino secco.
  5. Procedete nello stesso modo per ogni fetta di pollo.
  6. Rivestite una teglia con carta forno e ponetevi il pollo sopra.
  7. Spolverizzate ogni fetta con le erbe aromatiche che più preferite e aggiungete un filo d’olio evo.
  8. Preriscaldate il forno a 200°C e infornate il pollo per circa 30 minuti in modo da cuocere il pollo perfettamente anche internamente.
  9. Sfornate e servite, e, come sempre, BUON APPETITO!

Share This:

By | 2017-01-25T19:22:37+00:00 gennaio 25th, 2017|Home, La Rubrica delle spezie|0 Comments

Scrivi un commento

*