Vellutata di zucca e carote al cardamomo

Home/Home/La Rubrica delle spezie/Vellutata di zucca e carote al cardamomo

Vellutata di zucca e carote al cardamomo

cardamomo-spezia-123209_LIl cardamomo è una pianta spesso utilizzata nelle ricette orientali. Appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae, il cardamomo trae le sue origini dall’area a est dei Balcani e dall’India ed è coltivato con successo soprattutto nel subcontinente indiano, nello Sri Lanka e in Malesia. È inoltre uno degli ingredienti con i quali si ricava il curry.

i-benefici-dellolio-essenziale-di-cardamomo_114a06325e3df236a92280952864d13aProprietà curative

Le proprietà curative del cardamomo interessano varie zone del corpo umano. Il cardamomo può infatti intervenire per calmare e risolvere il gonfiore intestinale, attenuando i sintomi di flatulenza. Possibile anche il suo impiego preventivo aggiungendone 3 o 4 semi durante la cottura di alimenti “a rischio”, ad esempio broccoli, cavolfiori e cavoli, senza tuttavia alterarne il gusto.

Varietà

Con il nome cardamomo vengono indicate diverse spezie, spesso confuse tra loro, ma che in realtà sono caratterizzate da aromi e sapori differenti: il cardamomo verde (o vero cardamomo), il cardamomo di Ceylon, il cardamomo nero (conosciuto anche come cardamomo nepalese) e altre varietà meno diffuse.

Uso in cucina

05_GIORDANIA_GALLERY_ricetteIl cardamomo è una spezia molto amata nei paesi arabi e in Orient ma è piuttosto diffuso anche in Europa settentrionale. Il suo odore forte e speziato e il sapore leggermente piccante e fruttato lo rendono adatto a ravvivare primi piatti e arrosti ma anche ad aromatizzare dolci, creme e torte al cioccolato. Soprattutto se usato per le preparazioni dolciarie è meglio togliere le bacche a fine cottura prima di servire.

Molte miscele di spezie prevedono il cardamomo, tra queste l’ormai diffusissimo curry e il garam masala, tipico della cucina indiana e pakistana.

Ottimo per aromatizzare caffè e tè nero, il cardamomo è utilizzato per preparare il qahwa, il famoso caffè arabo. Nel qahwa la percentuale di cardamomo può essere addirittura superiore al caffè, gli arabi infatti amano molto questa bevanda proprio per la presenza del cardamomo che ritengono “rinfreschi il sangue”.

Curiosità sul cardamomo

013n-donne-cardamomoLa fragranza di questa spezia è sempre stata molto apprezzata, già Greci e Romani utilizzavano il cardamomo per produrre profumi, mentre le donne egiziane erano solite bruciare essenze di cardamomo nell’aria per gli effetti benefici e stimolanti. Ancora oggi molti prodotti cosmetici sono al profumo di cardamomo. In Oriente il cardamomo è considerato una spezia afrodisiaca, questa sua proprietà è persino decantata nei racconti di “mille e una notte”.

Il cardamomo è al centro di alcune usanze e tradizioni: in India è considerata una pianta così timida e delicata che può essere toccata e raccolta solo da mani femminili, mentre nel Kashmir alcuni semi di cardamomo sono chiusi in un gioiello al polso delle spose a simboleggiare il cibo ristoratore che daranno ai mariti.

Vallutata di zucca e carote al cardamomo

Ingredienti (per 4 persone):

  • 500 g di zucca (peso netto)
  • 300 g di carote (peso netto)
  • 200 g di patate (peso netto)
  • 800 ml circa di brodo vegetale
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 cipolla
  • 2 capsule di cardamomo
  • olio evo q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione:

  1. Tagliate le verdure a prezzi grossolani.
  2. In una casseruola fate scaldare due cucchiai di olio evo, unite il rosmarino e la cipolla affettata finemente e lasciateli insaporire qualche minuto a fuoco basso.
  3. Poi aggiungete la patate, le carote e la zucca, lasciate insaporire un paio di minuti e coprite con il brodo vegetale.
  4. Fate cuocere fino a quando le verdure saranno morbide (circa 30 minuti).
  5. Eliminate il rosmarino, quindi riducetele in crema con un frullatore ad immersione.
  6. Regolate la vellutata di sale e pepe.
  7. Aggiungete il cardamomo (dopo averlo pestato) e servite nelle ciotole con crostini di pane a piacere.

Share This:

By | 2015-12-13T19:12:06+00:00 dicembre 13th, 2015|La Rubrica delle spezie|0 Comments

Scrivi un commento

*