Loading...

Curcuma: storia di una grande spezia.

Per molto tempo ritenuta una spezia poco nobile la curcuma, soprannominata “zafferano dei poveri” o “zafferano delle Indie” (non possiede alcuna parentela con lo zafferano, ma ne condivide il medesimo potere colorante),  ha ritrovato il suo posto d’onore.

Questa spezia fa parte della storia dell’uomo da tremila anni almeno. Veniva infatti già utilizzata dagli Assiri per tingere i tessuti o dagli indiani, i quali ne riconoscevano le proprietà terapeutiche e la utilizzavano in cucina. Già 4000 anni fa gli indiani facevano ampio uso della curcuma, considerata una spezia fondamentale, legata ai rituali religiosi indù per il suo potere colorante giallo, correlato al sole. Certe stoffe tinte artigianalmente (vesti dei monaci buddisti), i cosmetici usati per le nozze e le festività (capelli delle spose), il curry, sono solo alcuni esempi dell’utilizzo del suo forte potere colorante. Quantunque la data rimanga incerta, sembra sicuro che a introdurre la curcuma in Europa siano stati gli Arabi. Specializzati nel commercio delle spezie, l’hanno portata dal Medio Oriente fino ai nostri confini. La chiamavano kurkum, che significa “zafferano”. Il nome è rimasto e ha dato origine alla parola curcuma. Da allora il suo uso non ha smesso di diffondersi, in particolare grazie al potere colorante che ricorda lo zafferano vero, il quale viene venduto a un prezzo nettamente superiore.

La spezia che si ricava dalla curcuma, come abbiamo detto di un bel colore giallo dorato, contiene centinaia di componenti; tuttavia l’attenzione degli studiosi si è concentrata su uno in particolare: la curcumina. In base a recenti studi è risultato che la curcumina potrebbe essere utile a contrastare l’insorgere di numerosi tumori. La curcuma è dunque una spezia molto simile a un farmaco. Si utilizza per curarsi, ma viene innanzitutto aggiunta all’alimentazione quotidiana a titolo preventivo, per non ammalarsi. Viene impiegata nella medicina tradizionale indiana e in quella cinese come disintossicante dell’organismo, in particolare del fegato e come antinfiammatorio. Queste proprietà salutari che vengono attribuite alla curcuma dalla tradizione popolare sono le stesse che oggi vengono confermate dalla medicina ufficiale, anche alla luce dei numerosissimi studi e scoperte che la scienza attuale ha ufficialmente confermato.

La cosa che ha “catturato” l’attenzione degli studiosi è il fatto che nei paesi asiatici e in particolare in India, dove il consumo di curcuma è altissimo, l’incidenza dei tumori è molto bassa.

La pianta da cui si ricava la curcuma è quella della Curcuma longa, una pianta che vive tra i 20 ed i 30 gradi. Il primo produttore al mondo di curcuma è l’India con la sua città Sangli, a sud dell’India,  che rappresenta il centro principale di produzione.

La polvere di curcuma è l’ingrediente che dà il colore caratteristico al curry; il sapore è molto volatile mentre, al contrario, il colore si mantiene inalterato nel tempo. Per questo motivo è una sostanza che viene largamente impiegata nel ramo alimentare come colorante. Alimenti come il formaggio, yogurt, mostarda, brodi vari in scatola e altri ancora vengono spesso colorati e aromatizzati con derivati della curcuma. Per un uso salutistico è sufficiente riuscire ad integrarla nella nostra dieta quotidiana. Un paio di cucchiaini da caffè al giorno sono la dose ideale; si può aggiungere a fine cottura di molti alimenti ma si può anche aggiungere a vari tipi di yogurt o farne una salsa. E’ importante ricordare che la curcuma va assunta insieme al pepe nero o al tè verde per facilitarne l’assorbimento. Non solo. Anche l’abbinamento a qualche grasso, tipo olio d’oliva, burro, o quant’altro, facilita l’assorbimento della curcuma.

Preparare il Golden Milk

Il Golden Milk, o “Latte d’oro”, è una bevanda curativa tipica della tradizione ayurvedica, arrivata fino a noi attraverso Yogi Bhajan. La si prepara con curcuma, acqua, latte (anche vegetale, ad esempio di mandorle), un cucchiaino di olio di mandorle e miele. E’ considerato benefico soprattutto per le articolazioni. Questa bevanda è particolarmente indicata per tutti coloro che hanno problemi alle articolazioni o alle giunture ed è ottima per la colonna vertebrale dato che lubrifica, aiuta a rompere i depositi di calcio, riduce eventuali infiammazioni e contribuisce a rimuovere le tossine. Si tratta di una bevanda dal colore acceso e dal sapore delizioso, realizzata con pochi ma salutari ingredienti. Vediamo quali:

Ingredienti:

  • ¼ di tazza di curcuma
  • ½ tazza d’acqua
  • 1 tazza di latte (anche vegetale)
  • 1 cucchiaino di olio di mandorle
  • Miele

Preparazione:

La preparazione è molto semplice:

  1. Bollite l’acqua insieme alla curcuma mescolando lentamente fino a che il composto non si asciuga e diviene un pochino più denso.
  2. Una volta pronta, la miscela può essere conservata in frigorifero e utilizzata per 40 giorni (tanto è il lasso di tempo consigliato da Yogi Bhajan per questo trattamento).
  3. Per ogni tazza di Latte d’oro che si vuole preparare è necessario mescolare ¼ di cucchiaino del composto realizzato con la curcuma in una tazza di latte aggiungendo poi un cucchiaino di olio di mandorle dolci (mi raccomando quello per uso alimentare!).
  4. Si riscalda a piacimento e infine si aggiunge il miele, in quantità variabile a seconda dei gusti. Se volete far diventare questa bevanda ancora più gustosa, frullatela! Diventerà così bella spumeggiante e potrete poi spolverarla con un po’ di cannella.

CRACKER FATTI IN CASA ALLA CURCUMA

Ora, dopo avervi proposto questo elisir di lunga vita, vi propongo dei cracker fatti in casa, impreziositi da curcuma, paprika, pepe, sesamo ed erbette mediterranee: uno snack facilissimo e veloce da preparare, ideale per un aperitivo o da usare come sostituto del pane.

Ingredienti per un cestino di cracker:

  • 300 g di farina di tipo 1 o 2
  • 70 ml di olio extra vergine di oliva
  • 50 ml di acqua
  • 50 ml di vino (bianco o rosso)
  • 2 cucchiaini di curcuma
  • 2 prese di sale
  • 1 pizzico di paprika piccante
  • 1 pizzico di pepe
  • una manciata di semi di sesamo
  • 2 cucchiaini di erbette miste mediterranee (o provenzali)

Preparazione:

  1. In una terrina capiente versate la farina setacciata, aggiungete, l’acqua, l’olio e il vino, mescolate tutti gli ingredienti, quindi aggiungete la curcuma, il sesamo, il sale, la paprika piccante, il pepe e le erbette.
  2. Impastate bene, per qualche minuto, fino ad amalgamare tutti gli ingredienti e, quando avrete ottenuto un impasto omogeneo e liscio, coprite la pasta con una pellicola trasparente e lasciatela riposare per 15-20 minuti in un luogo asciutto e non troppo caldo.
  3. Nel frattempo fate riscaldare il forno a 180 gradi, poi riprendete l’impasto, adagiatelo su un foglio di carta da forno spolverizzato con della farina e – con l’aiuto di un mattarello – stendete l’impasto fino ad ottenere uno strato rettangolare (delle stesse dimensioni della vostra placca da forno) dello spessore di 3-4 millimetri.
  4. Poi – con una rotella dentellata – tagliate il rettangolo in tanti quadrotti o rettangoli, della dimensione che preferite, quindi trasferite il foglio sulla placca (facendo attenzione a non far cadere l’impasto) e infornate per 20 minuti.
  5. Quando i cracker saranno ben dorati, sfornateli, lasciateli freddare completamente e serviteli!cracker-alla-curcuma

 

Share This:

By | 2017-01-27T10:13:40+00:00 maggio 13th, 2015|Home, La Rubrica delle spezie|0 Comments

Scrivi un commento

*