Ciambella romagnola

Home/Senza categoria/Ciambella romagnola

Ciambella romagnola

braza-3-682x1024In Romagna, la ciambella è il dolce per eccellenza. E non ha il buco. Si forma in filoncini o in pagnotte rotonde.

In Romagna la ciambella è un simbolo. Non c’è forno o negozio di alimentari, soprattutto nei paesi, in cui non faccia bella mostra di sé qualche bella “zàmbela” Di tradizione, di civiltà contadina, di Pasqua, di festa. Non c’è festa paesana o convivio che non termini con un po’ di ciambella da bagnare in un vino dolce (Cagnina, Sangiovese o Albana)

Ciambella romagnola

Ingredienti:

  • 400 g di farina 00
  • 105 g di burro
  • 50 ml di latte intero
  • 12 g di zucchero (granella)
  • 150 g di zucchero
  • 50 g di strutto
  • 2 uova
  • 16 g di lievito istantaneo
  • scorze di 1/2 limone

Procedimento:

  1. Versate la farina e lo zucchero sul tagliere e con la mano formate un buco al centro.
  2. Aprite le uova e mettetele all’interno della fontana insieme a 100 g di burro morbido, al lievito per dolci e alla scorza grattugiata di mezzo limone.
  3. Con una forchetta lavorate le uova con il burro e amalgamate il tutto.
  4. Iniziate quindi ad unire la farina e quando l’impasto diventa più consistente iniziate a lavorarlo con le mani (cercate d non prolungare troppo la lavorazione che potrebbe riscaldare l’impasto).
  5. Aggiungete il latte poco alla volta, facendolo assorbire gradualmente, e aiutatevi con una spatola da cucina per staccare l’impasto dal tagliere. Non preoccupatevi se l’impasto dovesse risultare molto appiccicoso, lavorandolo diventerà più solido.
  6. Se utilizzate un robot da cucina o un’impastatrice, potete mettere tutti gli ingredienti insieme e impastare.
  7. Versate l’impasto su una teglia foderata con carta forno e dategli una forma ovale lunga circa 22 cm e larga circa 12 cm al centro.
  8. Fate fondere i restanti 5 g di burro e spennellate la ciambella con esso.
  9. Cospargete con la granella di zucchero.
  10. Fate cuocere la ciambella a 180°C con forno statico per 30 minuti circa.
  11. Il dolce deve avere una leggera doratura più accentuata sui bordi.
  12. E, come sempre, BUON APPETITO!

Share This:

By | 2015-11-29T14:43:36+00:00 novembre 29th, 2015|Senza categoria|0 Comments

Scrivi un commento

*